sabato 9 ottobre 2010

La controversia sulle modelle: sfilate 2010

Bonjour tout le monde

Oggi vorrei riflettere su un argomento sempre in voga: le taglie. Ieri sera leggevo una lettera pubblicata su un noto settimanale femminile (vanity fair)che mi ha lasciata piuttosto perplessa:la camer nazionale della moda ha deciso di escudere dal calendario ufficiale delle sfilate di quest'anno la collezione di Elena Mirò
Dunque io non sono una cosidetta taglia forte anche se esco da una gravidanza e non sono ancora una 42 come un tempo(con calma ,con calma)ma la notizia mi ha molto infastidita

Elena Mirò ha dato la possibilità a coloro che non portano la 40 di scegliere e indossare(portafoglio permettendo)capi d'alta moda senza dovere scegliere per forza capi sformati o privi di personalità solo perchè la loro taglia non permette loro di portare capi per modelle da sfilata.

Scusate ma non si era aperta una diatriba furente nel campo della moda sull' argomento?
Le passerelle non erano state sconvolte dalla more di modelle pelle e ossa?
Non avevano detto stilisti e modelle che era ora di tornare alla femminilità e che le modelle sarebbero state più normali e le taglie più umane?
Io mi ricordo di un polverone che si era alzato e che naturalmente si è placato come un tornado nel deserto.
MAH!

Possibile che la Mirò spaventi tanto il mondo del Glamour?
Che vicino a modelle scheletriche una donna vera possa intimorire?


Ma vi ricordate le Top model?
Quelle stra fighe(lo so,lo so non si dice ma come meglio indicarle?)che ancora oggi quarantenni sono delle bombe?

Loro si che incarnavano la vera donna,quella da sogno come la Barbi ma Donna non manichino da vetrina
Elle macpherson si è ritirata dalle sfilate da poco dopo decenni di sfilate ed è ancora fantastica ma morbida ,femminile ,fantastica.
Ora mi chiedo per sfilare si devono spersonalizzare cosi le donne solo per fare vedere di più i propri capi?
L'anoressia è un obbligo oggi come oggi per potere aspirare a sfilare?
Tutto tace ,gli argomenti tanto dibattuti che hanno fatto scalpore sono morti.
Si è tornati alla normalità.
Si è fatto finta di niente
The show must go on
Di sottofondo però è rimasto questo:dallo scalpore all'escludere dalle sfilate le taglie morbide di Elena Mirò.

Io amo la moda,la seguo e ne ho fatto un mestiere ,passione e lavoro uniti .
Non intendo però accettare tutto e farmi piacere tutto in nome dell'arte.









0 commenti:

Posta un commento